Distesa di papaveri nell'estate salentina

Distesa di papaveri nell'estate salentina
fotografia di Simone Massafra

venerdì 7 ottobre 2011

Per il baratro della Sanità pugliese Vendola chiede aiuto a Fitto.



Non è una novità, dopo 6 anni di Governo Vendola Il deficit delle Asl pugliesi è arrivato alla cifra record mai raggiunta prima di 600 milioni di euro.
In un'intervista rilasciata a Repubblica di Bari, nel Marzo 2011, lo stesso assessore vendoliano alla Sanità, Fiore, esprime con chiarezza il pericolo che la Sanità pugliese venga commissariata.


Ma oggi Vendola chiede di deporre le armi e si rivolge proprio al suo nemico giurato, Raffaele Fitto, attuale Ministro a cui ha vinto il Governo della Regione nel 2005, chiedendo aiuto al Governo per risanare la Sanità pugliese che lui stesso ha affossato e per cui i suoi ex assessori sono attualmente indagati.


«Il mio appello al Ministro Fitto è di costituire insieme un’altra pagina di buona politica al servizio della nostra regione. Il clima di collaborazione istituzionale che si è creato - dice - è molto importante. Oggi abbiamo bisogno che anche sulle questioni della sanità si possa sviluppare questo dialogo». N. Vendola


Se l'attuale gestione politica ci ha delusi, siamo proprio sicuri che Vendola possa rappresentare il cambiamento migliore per il futuro dell'Italia? 

17 commenti:

  1. come si dice dalle mie parti: "un è 'a lim, l'at è 'a rasp!!"

    RispondiElimina
  2. La politica si attua con l'umiltà del fare e non con la prosopopea e la presunzione degli atteggiamenti e delle parole.
    Un "ritorno a Canossa" che mi auguro sia salutare per tutti i Pugliesi, costretti in pochi mesi a reiterare le richieste di esenzionedal pagamento del tiket (secondo regole del tutto discutibili, peraltro), con notevole perdita di tempo, sopportando spese e notevoli disagi e con la produzione di inutili catene montuose di carta, alla faccia della semplificazione della Burocrazia.

    RispondiElimina
  3. Basterà l'aiuto del Governo per risanare 600 milioni?

    RispondiElimina
  4. No. Con questa politica di risanamemto sicuramente NO.

    RispondiElimina
  5. Penso che sia normale che Vendola si rivolga al Ministro per i Rapporti con le Regioni, che coincidenza è Fitto. Penso anche che occorre fare un passo indietro ed analizzare la vicenda sanitaria partendo dall'imposizione del piano di riordino imposto dal Governo Berlusconi..approfondisci fede!..

    RispondiElimina
  6. Alessandro, è una questione che seguo da diversi anni e, sarai d'accordo con me che negli ultimi 6 anni è notevolmente peggiorata, senza nominare tutta la storia di Tedesco e company

    RispondiElimina
  7. non vedo il legame politico. Altrimenti potremmoi farlo con tarantini ad esempio.. Le nomine dirigenziali, lo sia meglio di me, sono nomine politche. E' questo che dovrebbe cambiare. Ma entrambi sappiamo che il modus operandi rimarrebbe invariato con qualsiasi governo di qualsiasi colore. Negli ultimi 6 anni io non la trovo affatto peggiorata, e su questo credo di essere più preparato. Morale (non voglio passare per quello che difende vendola anche perchè lo reputo un buon politico ma non un eccellente amministratore ..), facciamo unione e, insieme, chiediamo quei diritti che possono essere soddisfatti solo tramite lo sblocco di quei finanziamenti promessi e mai avuti dal governo centrale.

    RispondiElimina
  8. Alessandro, l'Assessore alle Politiche sociali Alberto Tedesco non era un dirigente ma un esponente politico nominato dalla Giunta. Inoltre, vivo quotidianamente la Sanità pugliese anche io essendo i miei genitori medici che lavorano con la ASL. Ma, oltre le opinioni perosnali, che possono differire in base alle esperienze. Il debito sanitario si è moltiplicato in sei anni, Fitto era riuscito a ridurlo mentre Vendola lo ha aumentato esponenzialmente. I fondi governativi servono, ma non devono essere il salvagente sull'orlo del baratro.

    RispondiElimina
  9. mi riferivo al tuo "& Company"..non c'è bisogno che sia io a ricordarti chi ha denunciato Tedesco. Ai dati che vengono forniti dai soliti giornali faziosi inizia a togliere le rettifiche di consolidamento. Inoltre, spero di non sbagliare (ma non credo), nel 2002 Palese, trovandosi con 850milioni di € di debito ebbe la grandiosa idea di collocare il bond da 870milioni con Merrill Lynch, per il quale dovremo pagare rate fino al 2023 (correggimi se sbaglio). Nel 2005 il debito era già di 250 milioni di euro. Sicuramente il dato allarmante è che questo governo avrebbe dovuto affrontare meglio il problema mettendolo in cima alle prerogative finanziarie, e non l'ha fatto come avrebbe dovuto. Eccoti spiegato quindi come Fitto non ha ridotto un demerito niente :)

    RispondiElimina
  10. Gianluca Perrone07 ottobre 2011 16:52

    A me sembra assurdo che chi ha fatto disastri nella Sanità Pugliese adesso chieda aiuto all'ex Presidente della Regione Puglia Raffaele Fitto!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Ulrico Viganotti07 ottobre 2011 16:57

    Si ma che ragionamento del cavolo è? Visto che il debito della Sanità è già 250 milioni di euro allora che male c'è se lo portiamo a 1 miliardo? (Permettimi ma tra 250 e 1000 milioni di euro c'è una bella differenza di 750 milioni) Eh no, se c'era questo deficit allora mi si spieghi perché si è deciso di abolire il ticket invece di iniziare un percorso di risanamento... la verità è che si è sperperato sempre più portando alla triste situazione attuale in cui moltissimi ospedali stanno chiudendo interi reparti.

    RispondiElimina
  12. Gli ospedali chiudono per il piano di riordino imposto alla regione..nessuno di voi si è indignato quando con Fitto chiusero i migliori reparti che avevamo nel salento per farli comparire in qualche struttura leccese privata.....o sbaglio? Ripeto, non voglio difendere nessuno ma dobbiamo guardare alla realtà dei fatti. Chiedetevi quanto dobbiamo pagare per colpa di una capra che non sapeva leggere in inglese e che ha fatto un bond da 870 milioni..altro che danno erariale!..chiedetevi inoltre qual'è la rata annuale che è impegnata per ripianarlo.
    Il vero problema è la mancanza di un piano di risanamento.

    RispondiElimina
  13. Diciamo allora che per spegnere un incendio si è deciso di buttare benzina sul fuoco... eliminare i ticket con un esposizione finanziaria da risanare è irresponsabile. Nemmeno io ho particolare interesse a compiere il ruolo di avvocato difensore... i politici ne hanno sicuramente già troppi da sovvenzionare ;-) Comunque, è cosa normale per un Ente pubblico andare sul mercato finanziario per ottenere capitali, può farlo tramite il Governo centrale che emette poi titoli di stato o tramite enti di credito privati. La magistratura sta accertando se le "clausole" del bond emesso con Merrill Lynch fossero truffaldine o meno. Comunque il fatto che la Regione per ulteriori 5 anni abbia proseguito per la strada dell'indebitamento rimane quale fatto inequivocabile. Mi sento di dire, seppur vedendo i problemi a cui le tante ASL stanno andando incontro, che sia stato un bene che il Governo centrale in questo caso abbia posto un limite con il piano di rientro altrimenti avremmo superato anche il tetto dei 1000 milioni.

    RispondiElimina
  14. Be votate fitto tra qualche anno :) così siamo tutti felici... poi però che nessuno venga a dire "eh ma vendola ha lasciato un milione di euro di debito" -.-

    RispondiElimina
  15. Ulrico Viganotti07 ottobre 2011 17:22

    Io voterò chi mi saprà fornire e dettagliare un piano concreto di risanamento e di sviluppo... nessuna delle due alternative mi sembra aver brillato per la gestione della cosa pubblica. Consapevole delle tante lobby e gruppi di interesse che bloccano il nostro paese facendo pressioni su tutti gli schieramenti politici, tendenzialmente scelgo chi dice di voler puntare a ridurre la spesa pubblica e a dare maggiore spazio all'impresa privata che quantomeno riesce a gestire al meglio le risorse. Santi non ne esistono, ma solo uomini di buona volontà.

    RispondiElimina
  16. Certo che Vendola ha aumentato il deficit pugliese...anzi ha trovato anche 120 milioni da dare ad un privato. O meglio, al peggior privato (dal punto di vista finanziario) che l'Italia possa vantare in sanità.

    RispondiElimina
  17. Per usare le parole di Marco Travaglio, "a Vendola non farei amministrare neanche il condominio di casa mia", figuriamoci l'Italia

    RispondiElimina